PRIMO PIANO

Voluntary disclosure: possibile integrare i documenti dopo l’istanza

26 Giugno 2015 in Notizie Fiscali
La direzione regionale della Lombardia, nelle risposte fornite ad alcuni quesiti prospettati dagli operatori in tema di voluntary disclosure, ha precisato che è possibile integrare la documentazione già fornita in sede di istanza con altri atti eventualmente mancanti, anche successivamente all’istanza quindi. Ovviamente, dovrà trattarsi di carenze non imputabili al contribuente. Ad esempio, se il contribuente compie un errore nella determinazione degli imponibili da sanare o dimentica in buona fede un documento da allegare, l’Agenzia lo inviterà in contraddittorio (anche non formalmente, in modo da non far perdere i benefici massimi di riduzione delle sanzioni) e chiederà di integrare. Sarà l’ufficio, comunque, a valutare le singole situazioni. Sarà possibile produrre in un secondo momento anche il waiver, sarà sufficiente produrlo in tempo utile per l’emissione dell’invito ex articolo 5 decreto legislativo n. 218/97.
 

I commenti sono chiusi