PRIMO PIANO

Spesometro più chiaro per le note di variazione

28 Ottobre 2011 in Notizie Fiscali
Fonte: Il Sole 24 Ore

Il 24.10.2011 l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito le risposte fornite ad alcune associazioni di categoria sulla comunicazione delle operazioni IVA di importo non inferiore ad euro 3.000/3.600 (c.d. "spesometro"), introdotta dall’art. 21 del D.L. n. 78/2010. In particolare, con riferimento alle note di variazione, è stato precisato che i record di dettaglio n. 4 e 5, riferiti alle note relative alle operazioni con soggetti non residenti, riguardano le cessioni e le prestazioni già comunicate e non già effettuate nello stesso anno in cui viene emesso o ricevuto il documento rettificativo. Di conseguenza, l’operazione va comunicata al netto dell’importo rettificato, purché di importo almeno pari alla soglia. Inoltre, spetta al contribuente decidere se comunicare o meno le operazioni al netto delle note di variazioni emesse o ricevute dal 1° gennaio al 30 aprile dell’anno successivo a quello di riferimento della comunicazione.

I commenti sono chiusi