PRIMO PIANO

Scomode società di comodo

14 Febbraio 2007 in Notizie Fiscali

Come chiarito dall’Agenzia delle Entrate nel corso di una teleconferenza poi trasfusa nella Circolare n. 5 del 2007 saranno dichiarati inammissibili tutti i ricorsi delle società di comodo che non abbiano preventivamente proposto istanza di interpello disapplicativa all’Agenzia per far valere quei fatti che escluderebbero la società dall’applicazione delle sempre più rigide norme tributarie previste per le società non operative. E’ chiaro dunque immaginare che l’ Agenzia sarà subissata di istanze e, nonostante tutta la buona volontà, non riuscirà a rispondere a tutti entro i canonici 90 giorni. Se ci sono in Italia un milione di società che rischiano di essere catalogate come non operative, ci saranno un milione di interpelli disapplicativi.

I commenti sono chiusi