FISCO » Manovre Fiscali » Riforme Governo Conte

Registro delle opposizioni: stop per la posta cartacea

22 Gennaio 2019 in Notizie Fiscali

Finalmente ci si potrà opporre anche alla ricezione della pubblicità nelle caselle postali. E' stato infatti pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 16 del 19 gennaio 2019  il D.P.R. 8 novembre 2018, n. 149 che contiene Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 7 settembre 2010, n. 178, in materia di registro pubblico delle opposizioni, con riguardo all'impiego della posta cartacea. Il Decreto entrerà in vigore solo a partire dal 3 febbraio 2019 tuttavia fa ben sperare coloro che non intendono ricevere pubblicità nella buchetta della posta.

Infatti, in base alla nuova disciplina il trattamento dei  dati mediante l'impiego del  telefono e della posta cartacea per le finalita' di

  • invio di materiale pubblicitario
  • vendita diretta
  • compimento di ricerche di mercato
  • comunicazione commerciale

e' consentito nei confronti di chi non abbia esercitato il diritto di opposizione, con modalita' semplificate e  anche in via telematica, mediante l'iscrizione della  numerazione della quale e' intestatario e degli altri dati personali in un  registro pubblico delle opposizioni.

In particolare, con l'iscrizione al Registro pubblico delle opposizioni anche per la posta cartacea si vieterà agli operatori di telemarketing di inviare pubblicità al proprio indirizzo postale presente negli elenchi telefonici. Il trattamento degli indirizzi postali per fini commerciali rimarrà valido solo se gli operatori hanno raccolto apposito consenso dell'interessato, secondo la normativa vigente sulla privacy e in particolare del Regolamento (UE) 2016/679.

Una volta che il servizio sarà disponibile, gli utenti in possesso di un numero pubblico – ovvero presente negli elenchi telefonici pubblici –  potranno iscriversi al Registro Pubblico delle Opposizioni dicendo no

  • alle chiamate di telemarketing
  • alla pubblicità cartacea.

Per quanto riguarda gli utenti già iscritti al servizio per non ricevere la pubblicità telefonica potranno aggiornare la propria iscrizione estendendo l'opposizione già espressa anche alla posta cartacea. In generale però per opporsi sarà necessario aspettare maggio quando la Fondazione Bordoni, che gestisce il Registro pubblico delle Opposizioni, avrà aggiornato il proprio portale.

Attenzione va prestata al fatto che finora non è possibile effettuare la registrazione per opporsi al telemarketing sui telefoni cellulari privati.

 

I commenti sono chiusi