PRIMO PIANO

Per il reverse charge vincolo di codice attività

8 Febbraio 2007 in Notizie Fiscali

Il Sottosegretario all’Economia, in risposta ad una interrogazione parlamentare, ha precisato che l’applicazione del meccanismo del reverse charge richiede che il subappaltatore ed il proprio committente svolgano la loro attività utilizzando uno dei codici indicati nella sezione F delle tabelle Atecofin 2004. Questa puntualizzazione è molto importante poiché, in assenza di più puntuali chiarimenti su questo punto, fino ad oggi prevaleva la tesi che solo il subappaltatore dovesse operare con i codici attività della sezione F, mentre erano del tutto ininfluenti i codici dell’impresa committente.

I commenti sono chiusi