PRIMO PIANO

Motivi di salute tutti da provare

22 Novembre 2005 in Notizie Fiscali

La quinta sezione della Commissione tributaria provinciale di Mantova, nella motivazione della sentenza n. 62 depositata l’8 luglio ha precisato che per giustificare la non congruità dagli studi di settore dovuta a una diminuzione della capacità lavorativa per motivi di salute, occorre la prova, in quanto trattandosi di accertamento induttivo ricade sul contribuente l’onere di dimostrare l’infondatezza del maggior reddito accertato.
Considerato che il ricorrente lamentava gravi motivi di salute che hanno impedito il raggiungimento di quella congruità richiesta dallo studio di settore la Commissione ha sottolineato la necessità di fornire adeguata prova di quanto affermato (nel caso specifico il certificato medico prodotto risaliva a 20 anni prima del periodo accertato).

I commenti sono chiusi