LAVORO » Lavoro » Rubrica del lavoro

Licenziamento per giustificato motivo e diversa ricollocazione

5 Agosto 2013 in Notizie Fiscali
Fonte: Fisco e Tasse
La Cass. civ., 1 agosto 2013, n. 18416 ha stabilito che l’onere probatorio circa l’effettiva sussistenza del motivo del licenziamento per giustificato motivo oggettivo addotto dal datore di lavoro grava interamente sullo stesso, il quale deve dimostrare, anche mediante elementi presuntivi ed indiziari, l’impossibilità di una differente utilizzazione del lavoratore in mansioni diverse da quelle precedentemente svolte. Tuttavia tale prova non deve essere intesa in modo rigido, dovendosi esigere dallo stesso lavoratore che impugni il licenziamento una collaborazione nell’accertamento di un possibile repechage, mediante l’allegazionedi una lista di altri posti di lavoro nei quali egli poteva essere utilmente ricollocato, e conseguendo a tale allegazione l’onere del datore di lavoro di provare la non utilizzabilità nei posti predetti.
 

I commenti sono chiusi