PRIMO PIANO

La Legge “Dopo di noi” per le persone disabili

28 Giugno 2016 in Notizie Fiscali
Fonte: Gazzetta Ufficiale

Pubblicata in GU del 24.06.2016 n. 146 la Legge del 22 giugno 2016 n. 112, c.d. "Dopo di noi", contenente disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare.

La Legge è volta a favorire il benessere, la piena inclusione sociale e l'autonomia delle persone con disabilità, disciplinando misure di assistenza, cura e protezione nel superiore interesse delle persone con disabilità grave, non determinata dal naturale invecchiamento o da patologie connesse alla senilità, prive di sostegno familiare in quanto mancanti di entrambi i genitori o perchè gli stessi non sono in grado di fornire l'adeguato sostegno genitoriale, nonchè in vista del venir meno del sostegno familiare, attraverso la progressiva presa in carico della persona interessata già durante l'esistenza in vita dei genitori.

Lo stato di disabilità grave, di cui all'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, è accertato con le modalità indicate all'articolo 4 della medesima legge. Restano comunque salvi i livelli essenziali di assistenza e gli altri interventi di cura e di sostegno previsti dalla legislazione vigente in favore delle persone con disabilità.

Dal punto di vista fiscale, la Legge prevede una serie di esenzioni ed agevolazioni tributarie per la costituzione di trust, di vincoli di destinazione e di fondi speciali composti di beni sottoposti a vincolo di destinazione in favore dei disabili privi di un sostegno familiare, quali ad esempio:

  • A decorrere dal periodo d'imposta in corso al 31 dicembre 2016, l'importo di euro 530,00 è elevato a euro 750,00 relativamente alla detraibilità dei premi per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di morte finalizzate alla tutela delle persone con disabilità grave.
  • la cancellazione dell’imposta di successione e donazione per i genitori, ad esempio per la casa di proprietà;
  • la riduzione di aliquote e franchigie e le esenzioni per l’imposta municipale sugli immobili; l’innalzamento dei parametri sulla deducibilità per le erogazioni liberali e le donazioni;
  • agevolazioni tributarie per trasferimenti di beni e di diritti per causa di morte, per donazione o a titolo gratuito nel caso di istituzione di trust in favore di persone con disabilità grave. Per beneficiarne, il trust deve perseguire come finalità esclusiva l’inclusione sociale, la cura e l’assistenza della persona disabile in cui favore è istituito.

I commenti sono chiusi