PRIMO PIANO

L’anonimato “cede” all’antiriciclaggio

7 Dicembre 2009 in Notizie Fiscali
Fonte: Il Sole 24 Ore

A parere del dipartimento del Tesoro, nell’ambito delle operazioni relative allo scudo fiscale, vanno appliccate le disposizioni antiriciclaggio previste dal Decreto Legislativo numero 231 del 2007, in termini di adeguata verifica, di registrazione e di segnalazione di operazioni sospette; quindi, i nomi di coloro che aderiscono allo scudo fiscale-ter, possono essere rinvenuti nella documentazione antiriciclaggio tenuta dai professionisti e dagli intermediari, a disposizione della Guardia di Finanza che, per espressa disposizione legislativa, può utilizzarli anche a fini fiscali.

I commenti sono chiusi