FISCO » Manovre Fiscali » Attualità

IRPEF,IRES,IRAP: in arrivo proroga al 10 dicembre del versamento imposte

27 Novembre 2020 in Notizie Fiscali

Con Comunicato stampa n 269 di oggi 27 novembre delle ore 15.40 il MEF Ministero dell'economia e delle Finanze informa della imminente  proroga dal 30 novembre al 10 dicembre prossimo del versamento della seconda o unica rata d'acconto delle imposte sui redditi e dell'IRAP.

Si provvederà a normare lo slittamento con il Ristori quater in corso di adozione.

Inoltre, sarà prevista:

  • una più ampia proroga per le imprese non interessate dagli ISA, ovunque localizzate, che hanno conseguito nel periodo d’imposta precedente a quello in corso ricavi o compensi non superiori a 50 milioni di euro e che, nel primo semestre 2020, hanno subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33% rispetto al primo semestre 2019.
  • per queste imprese il termine per il versamento della seconda o unica rata d'acconto delle imposte sui redditi e dell'IRAP sarà prorogato al 30 aprile 2021.

Proroga al 30 aprile 2021 sarà prevista, a prescindere dai requisiti relativi ai ricavi o compensi e alla diminuzione del fatturato o dei corrispettivi, per i soggetti non interessati dagli ISA che operano nei settori economici individuati nei due allegati al decreto-legge “Ristori bis” e che hanno domicilio fiscale o sede operativa nelle zone rosse, nonché per i soggetti che gestiscono ristoranti nelle zone arancioni.

I versamenti sospesi dovranno essere effettuati in un’unica soluzione entro il 30 aprile 2021.

Per i soggetti che applicano gli ISA e che si trovano nelle condizioni richieste, resta ferma la proroga al 30 aprile 2021 già prevista dall’articolo 98 del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, e dall’articolo 6 del decreto-legge “Ristori bis”.

Si noti che il Ristori quater in arrivo prorogherà anche:

il termine per la presentazione della dichiarazione dei redditi e della dichiarazione IRAP, che sarà fissato al 10 dicembre, assicurando in tal modo dieci giorni in più ai contribuenti e agli intermediari.

I commenti sono chiusi