Il Decreto Sviluppo e le modifiche apportate dalla Camera

23 Giugno 2011 in Notizie Fiscali
Fonte: Il Sole 24 Ore

Il 21.06.2011 il Decreto sviluppo è stato approvato dalla Camera con 317 sì, 293 no e 2 astenuti: entro il 12 luglio dovrà passare al Senato per il via libero definitivo. Tra le modifiche di carattere generale l’abrogazione delle norme sulla concessione del diritto di superficie per il demanio marittimo, mentre per quel che riguarda il fronte fiscale le novità principali sono relative alle procedure di riscossione coattiva. In particolare, sale a 180 giorni il termine massimo per la sospensione in caso di ricorso, mentre per i debiti fiscali fino a 2.000 euro, si può ricorrere alle ganasce fiscali solo dopo due solleciti di pagamento di Equitalia a distanza di 6 mesi l’uno dall’altro e non si può iscrivere ipoteca per debiti fino a 20.000 euro se l’immobile è l’abitazione del debitore. È prevista inoltre la cessazione, a decorrere dal 1° gennaio 2012, da parte delle società del gruppo Equitalia delle attività di riscossione per conto dei Comuni e delle società partecipate.

I commenti sono chiusi

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.