LAVORO » Lavoro » Rubrica del lavoro

Gestione separata e Casse: ricongiunzione ok

23 Ottobre 2019 in Notizie Fiscali

La Corte di cassazione  ammette la possibilità di  ricongiunzione onerosa  dei contributi versati alla Gestione separata Inps  con quelli presenti nelle Casse previdenziali dei liberi professionisti . L'orientamento è nuovo e per la prima volta applica la sentenza delle Corte costituzionale n. 61/1999  che  ha ammesso sia la totalizzazione che la ricongiunzione per la ricostruzione delle carriere contributive  tra tutte le gestioni previdenziali 

La novità consiste nell'interpretazione letterale della norma  sulla ricongiunzione onerosa (articolo 1, comma 2 della legge 45/1990) tra tutte le gestioni previdenziali . Finora  tale norma non era stata applicata  in relazione alla Gestione separata che nasce con la riforma Dini e applica interamente il sistema di calcolo contributivo .

Il successivo decreto attuativo 282 1996 e la circolare INPS 184 del 2015 hanno sempre preso in considerazione la possibilità di trasferire gratuitamente i contributi nella Gestione Separata da parte di coloro che hanno i requisiti per il metodo contributivo  ma non viceversa (dalla GS alle Casse).

Il professionista che ne ha fatto richiesta invece ha vinto entrambi i ricorsi in sede di merito  e in Cassazione l'INPS  pur obiettando che l’applicabilità della ricongiunzione nei confronti della gestione separata  comportava il calcolo interamente contributivo  e ricordando che sono invece  previsti sia la totalizzazione che il nuovo  cumulo contributivo,  ha visto il proprio ricorso respinto.

A questo punto sarebbe auspicabile un chiarimento dell'istituto previdenziale  che spesso è costretto ad adeguare la sua prassi alle pronunce della giurisprudenza.

Allegati:

I commenti sono chiusi