FISCO » Manovre Fiscali » Attualità

Decreto Rilancio: Credito di imposta per i servizi digitali per gli editori

25 Maggio 2020 in Notizie Fiscali
 Credito di imposta per le imprese editrici di quotidiani e di periodici iscritte al ROC – Registro degli operatori di comunicazione, che occupano almeno un dipendente a tempo indeterminato, per l’anno 2020,  nella misura del  30 per cento della spesa effettiva sostenuta nell’anno 2019 per l’acquisizione dei servizi di server, hosting e manutenzione evolutiva per le testate edite in formato digitale, e per information technology di gestione della connettivita’.
 A prevederlo l’art. 190 del Decreto Rilancio è in vigore dal giorno 19 maggio 2020  che prevede  un credito di imposta per i servizi digitali nella misura del 30% delle spese effettive sostenute nel 2019 per acquisire:
  •  server
  •  hosting
  •  e manutenzione evolutiva
 da parte di testate edite in formato digitale e per information technology di gestione della connettività.
 Tale beneficio e connesso al regolamento UE n1407/2013 e relativo all’applicazione del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti de minimis.
 L’agevolazione va richiesta con istanza al Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
 Le spese devono risultare da apposita attestazione con visto di conformità (ai sensi dell’art 35 comma 1 lettera a) del Dlgs 241/97)
 Il credito (ai sensi dell’art 17 del Dlgs 241/97) può essere utilizzato in compensazione con modello F24 tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate.
 Sono previsti casi di revoca qualora dagli accertamenti effettuati il credito non spetti e di conseguenza si procederà con il recupero delle somme indebitamente fruite.
 La revoca è disposta qualora venga accertata l’insussistenza di uno dei requisiti previsti ovvero nel caso di dichiarazione presentata non veritiera o falsa.
 Ai sensi del comma 7 dell’articolo in esame verrà predisposto entro trenta giorni dal 19 maggio 2020, data di entrata in vigore della norma, un nuovo DPCM utile a prevedere i contenuti, le modalità e la documentazione richiesta oltre che i termini di presentazione della domanda.

I commenti sono chiusi