DIRITTO » Societa', Enti e Professionisti » Enti no-profit

Contributo a fondo perduto per ASD e SSD: al via la seconda finestra

22 Giugno 2020 in Notizie Fiscali

Lunedì 22 giugno 2020 dalle ore 12:00 si è aperta la seconda finestra utile per la presentazione delle istanze di accesso a finanziamenti a fondo perduto, per Associazioni Sportive Dilettantistiche e delle Società Sportive Dilettantistiche che operano in impianti sportivi privati e/o pubblici in forza di contratti o forme di utilizzo diverse dal contratto di locazione, si tratta di un vero e proprio click day che si concluderà alle ore 20:00 di domenica 28 giugno 2020.

La presentazione delle domande di accesso alla misura sarà possibile attraverso una piattaforma web raggiungibile all’indirizzo www.sport.governo.it.

Ricordiamo che i criteri per accedere ai finanziamenti a fondo perduto per associazioni sportive dilettantistiche e società sportive dilettantistiche e le modalità per fare la domanda, sono stati definiti nell'allegato 1 del decreto pubblicato l’11 giugno.

I requisiti richiesta per questa seconda sessione di domande, che le a.s.d./s.s.d dovranno autocertificare al momento della presentazione, sono:

  • Non essere titolari di un contratto di locazione e non aver partecipato alla prima sessione di presentazione delle domande relative alla presente disposizione.
  • Essere affiliate a un organismo sportivo riconosciuto dal CONI (Federazione Sportiva Nazionale, Disciplina Sportiva Associata, Ente di Promozione Sportiva).
  • Svolgere un’attività sportiva riconosciuta dal CONI o dal CIP.
  • Essere regolarmente iscritta nel registro del Coni e/o nel registro parallelo del CIP alla data del 23 febbraio 2020.
  • Essere in regola con le autorizzazioni amministrative e sanitarie richieste dal comune di appartenenza per lo svolgimento delle attività sportive dichiarate.
  • Possedere alla data del 23 febbraio 2020 un numero di tesserati (distinguendo tra soggetti normodotati e diversamente abili) pari ad almeno a n. 50 (cinquanta).
  • Avere almeno un istruttore in possesso di laurea in scienze motorie o di diploma ISEF o, in alternativa, in possesso della qualifica di tecnico/istruttore rilasciata dal CONI e/o dal CIP o dagli organismi affilianti riconosciuti dal CONI e/o dal CIP a cui aderisce la ASD/SSD.
  • Non aver ricevuto contributi di qualsiasi tipo finalizzati al superamento dell’emergenza derivante dall’epidemia COVID-19 dagli organismi cui è affiliata (FSN, DSA, EPS);
  • Non aver ottenuto l’attribuzione di altro contributo da Enti Pubblici (Regioni, Provincie, Comuni), associazioni, fondazioni o altri organismi;

Alla domanda dovranno essere allegati:

  • Dichiarazione Organismo o Organismi affilianti circa l’attività sportiva, didattica e formativa svolta dalla ASD/SSD e il numero di tesserati svolgenti tali attività (il modello può essere usato se le Federazioni, le Discipline Sportive Associate o gli Enti di Promozione Sportiva non ne abbiano già predisposto uno). Nel caso in cui la stagione sportiva non sia iniziata a causa dello STOP imposto dall’emergenza sanitaria, si dovranno indicare i dati relativi alla stagione 2019.
  • Copia di un documento d’identità del soggetto richiedente in corso di validità, solo in caso di domande non sottoscritte con firma digitale.

L’importo massimo stanziato per la presenta misura, nella seconda sessione, ammonta 20.000.000,00 di euro e sarà corrisposto un importo pari a 800,00 euro ad ogni associazione sportiva dilettantistica o società sportiva dilettantistica a seconda dell’ordine cronologico della ricezione della domanda e fino al raggiungimento dello stanziamento disponibile. Pertanto, si tratta di un vero e proprio click day.

I commenti sono chiusi