Cessione agevolata ai soci 2017: le Entrate chiariscono

1 Agosto 2017 in Notizie Fiscali
Fonte: Fisco Oggi

La cessione agevolata dei beni ai soci non rientra nella disciplina dell’abuso di diritto anche se la società deduce la relativa minusvalenza e utilizza il corrispettivo della cessione per estinguere parte di un prestito obbligazionario in precedenza sottoscritto da due soci. A questa conclusione è giunta la risoluzione n. 101/E del 27 luglio 2017.
L’Agenzia delle entrate  ha analizzato  il caso di una società che ha effettuato una cessione agevolata ai soci di alcuni immobili dagli stessi già condotti in locazione e in precedenza rivalutati. La cessione ha determinato il realizzo di una minusvalenza data dalla differenza tra il corrispettivo (pari al valore di mercato) e il valore fiscale degli immobili. Il corrispettivo incassato dalla cessione è stato utilizzato dalla società per rimborsare anticipatamente buona parte di un prestito obbligazionario sottoscritto in precedenza da due soci.
Per verificare eventuali profili abusivi, la risoluzione ha ricordato che occorre che in un’operazione sussistano congiuntamente:

  • la realizzazione di un vantaggio fiscale “indebito”, costituito da “benefici, anche non immediati, realizzati in contrasto con le finalità delle norme fiscali o con i principi dell’ordinamento tributario”
  • l’assenza di “sostanza economica” dell’operazione o delle operazioni poste in essere consistenti in “fatti, atti e contratti, anche tra loro collegati, inidonei a produrre effetti significativi diversi dai vantaggi fiscali”
  • l’essenzialità del conseguimento di un “vantaggio fiscale”.

Peraltro, pur in presenza di tutti e tre gli elementi evidenziati, non sono abusive le operazioni giustificate da valide ragioni extrafiscali non marginali, anche di ordine organizzativo o gestionale che rispondono a finalità di miglioramento strutturale o funzionale dell’impresa o dell’attività professionale.
Occorre ricordare che la cessione agevolata è un regime fiscale di carattere temporaneo che consente, la cessione agevolata ai soci di taluni beni immobili e di beni mobili iscritti in pubblici registri. Si tratta, in particolare, dei beni immobili diversi da quelli utilizzati esclusivamente per l’esercizio dell’attività d’impresa e dei beni mobili iscritti in pubblici registri non utilizzati come beni strumentali nell’impresa.L’agevolazione si traduce in un vantaggio per la società: sulla plusvalenza da cessione del bene, infatti, è prevista un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’Irap inferiore rispetto a quella ordinaria e pari all’8%, ovvero al 10,5%, se la stessa è considerata non operativa o in perdita sistematica.

Da un punto di vista interpretativo, la risoluzione chiarisce, che la società può dedurre la minusvalenza derivante dalla cessione dei beni – e determinata in misura pari alla differenza tra il corrispettivo a valore di mercato e il costo fiscale degli immobili – considerato che tale deducibilità è riconosciuta anche all’interno della disciplina della cessione agevolata. Non è deducibile la minusvalenza ai fini Ires, invece, qualora determinata utilizzando il valore catastale dell’immobile, considerato che tale valore è previsto dalla norma agevolativa “ai fini della determinazione dell’imposta sostitutiva” e, quindi, solo in presenza di un componente positivo di reddito.
Ai fini Irap, peraltro, la minusvalenza in esame è deducibile secondo l’importo rilevato in contabilità, sulla base del principio della presa diretta dal bilancio.
La stessa risoluzione precisa che l’operazione realizzata dalla società, ossia la cessione agevolata ai soci di taluni beni e il rimborso anticipato di parte di un prestito obbligazionario, non viola la finalità della disciplina in materia di cessione agevolata. In definitiva, non esistendo alcun vantaggio fiscale indebito, la fattispecie in esame non può considerarsi abusiva.

Allegati:

I commenti sono chiusi