PRIMO PIANO

asseverazione doc

9 Novembre 2005 in Notizie Fiscali
Fonte: Italia Oggi

Anche i dipendenti e i funzionari delle associazioni di categoria, oltre ai professionisti, potranno attestare le cause che giustificano l’incongruità e l’incoerenza rispetto agli indici economici degli studi. In tema di riscossione cade la stretta sui pignoramenti effettuati per indurre i contribuenti a pagare le tasse.
L’azione esecutiva, infatti, potrà rivolgersi solo al quinto dello stipendio.
Per gli studi di settore, le correzioni fatte dal governo, che introduce un articolo 7 sexies al decreto, riguardano in particolare l’istituto dell’asseverazione. Si tratta della certificazione delle cause che giustificano l’incongruità e l’incoerenza del contribuente rispetto alle risultanze degli studi. Questa attestazione con l’estensione realizzata dall’esecutivo potrà essere rilasciata anche dai dipendenti e dai funzionari delle associazioni di categoria abilitati all’assistenza tecnica davanti alle commissioni tributarie. A cambiare, però, è anche la collocazione dell’istituto, il quale viene trasferito dal decreto ministeriale 164/99 (attuativo delle competenze riconosciute ai Caf), alla legge 146/98, che contiene la disciplina generale degli studi di settore.

I commenti sono chiusi