PRIMO PIANO

Regime dei minimi – Ai fini della rettifica IVA come bisogna procedere per i canoni di leasing?

14 Febbraio 2010 in Domande e risposte

In sede di accesso al regime dei minimi il contribuente deve  effettuare le rettifiche dell’imposta detratta relativa ai canoni di leasing corrisposti anticipatamente ed maxicanone iniziale.
Per procedere alla rettifica i contribuenti minimi dovranno verificare l’imposta complessivamente detratta e versare la frazione di imposta corrispondente al periodo di residua durata del contratto o della rata.

La rettifica della detrazione da effettuarsi a norma dell’art. 19-bis2 del DPR n. 633 del 1972 opera infatti per i servizi non ancora utilizzati tra i quali rientrano anche i canoni di leasing (art. 16, ultimo comma,  DPR n. 633 del 1972).

Esempio:
contribuente che accede al regime dei minimi il 1° gennaio 2008.
Rata semestre 1° settembre 2007/29 febbraio 2008: 1.800 euro di cui 300 di IVA (interamente detratta).

Imposta da versare euro 100 (300/6 (mesi di riferimento rata) x 2 (mesi relativi al periodo in cui si applica il regime dei minimi).

Maxicanone corrisposto in data 1° settembre 2006 euro 7.200, di cui 1.200 di IVA (interamente detratta);
durata del contratto di leasing anni 5.

Imposta da versare a seguito della rettifica euro 880 (1.200/60 (mesi di durata del contratto) x 44 (mesi residui di durata del contratto al momento di ingresso nel regime).

(Circolare Agenzia delle Entrate del 26/02/2008 n. 13)

I commenti sono chiusi

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.