PRIMO PIANO

Quali sono le prestazioni di servizi che devono considerarsi tassabili in relazione alla regola del committente dal 1 gennaio 2010?

7 Febbraio 2010 in Domande e risposte

Dal 1 gennaio 2010 la regola di tassabilità del “committente” comporta che:

devono considerarsi territorialmente rilevanti in Italia se resi a soggetti passivi stabiliti in Italia e come tali rientranti nell’ambito applicativo dell’IVA .

Non devono invece considerarsi territorialmente rilevanti in Italia se rese a soggetti passivi  stabiliti in altri Stati comunitari o in Stati extracomunitari per carenza del requisito territoriale (sono da considerare fuori del campo di applicazione dell’IVA)

le seguenti prestazioni:
•   i servizi già definiti come generici non individuati (a tutto il 2009) in altre categorie;
•   le prestazioni di trasporto di beni e quelle accessorie (carico, scarico e trasbordo merci);
•   le prestazioni di qualsiasi genere su beni mobili materiali, ovunque rese, ed indipendentemente dall’uscita fisica dei beni, al termine della prestazione, dallo Stato in cui la stessa viene eseguita, in particolar modo nel caso di prestazione resa in altro Stato comunitario;
•   le prestazioni di intermediazione, ovunque eseguite;
•   le locazioni a lungo termine (diverse da quelle a breve termine di cui si dirà più avanti) di mezzi di trasporto;

le seguenti prestazioni di servizi, già disciplinate dall’articolo 7, quarto comma, lett. d) del DPR n. 633 del 1972, indipendentemente da dove siano materialmente utilizzate:

– prestazioni derivanti da contratti di locazione, anche finanziaria, noleggio e simili di beni mobili materiali diversi dai mezzi di trasporto;
– prestazioni di servizi relative a cessioni di diritti immateriali redevances, royalties, diritti di autore, e simili;
– prestazioni pubblicitarie;
– prestazioni di consulenza e assistenza tecnica o legale, comprese quelle di formazione e di addestramento del personale;
– prestazioni di elaborazione e fornitura di dati e simili;
– prestazioni di interpreti e traduttori;
– prestazioni di servizi di telecomunicazione, di radiodiffusione e di televisione;
– prestazioni di servizi rese tramite mezzi elettronici;
– prestazioni relative ad operazioni bancarie, finanziarie e assicurative;
– prestazioni relative a prestiti di personale;
– concessione dell’accesso ai sistemi di gas naturale o di energia elettrica, servizio di trasporto o di trasmissione mediante gli stessi e fornitura di altri servizi direttamente collegati;
– cessioni di contratti relativi alle prestazioni di sportivi professionisti.

I commenti sono chiusi

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.