Come ricalcolo l’acconto Irap per dedurre il lavoro indeterminato?

4 Novembre 2015 in Domande e risposte

Per chi si accinge al calcolo degli acconti di novembre 2015 per l'Ires, l'Irpef, l'Irap, il metodo storico è sempre consigliabile perché piu’ semplice e non espone a rischi. Il metodo previsionale è sempre complicato e difficilmente riesce a determinare esattamente la misura degli acconti da versare. Tuttavia il metodo previsionale di determinazione dell’acconto a volte è necessario e consigliabile, per non esporre la società a situazioni di credito nei confronti dell’erario.

L’acconto Irap 2015 inoltre deve tenere conto delle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 che prevede la deduzione dalla base imponibile Irap di tutti i costi per lavoro dipendente relativi al personale con contratto a tempo indeterminato.

Ricordiamo che la circolare n. 22/E del 9 giugno 2015 ha chiarito le modalità di applicazione di tale deduzione in presenza di tutte le altre deduzioni parziali già spettanti per il costo del lavoro.

In sostanza la circolare chiarisce che la deduzione per il costo di lavoro dei dipendenti con contratto a tempo indeterminato è ammessa per la parte che con le precedenti deduzioni rimaneva indeducibile ammettendo la deducibilità ‘per differenza’ tra il costo del lavoro complessivo sostenuto in relazione ai rapporti di impiego a tempo indeterminato e le deduzioni già spettanti ai sensi dell’art. 11.

I commenti sono chiusi