PRIMO PIANO

A che cosa serve il DURC?

27 Marzo 2015 in Domande e risposte
Il DURC (DOCUMENTO UNICO DI REGOLARITA’ CONTRIBUTIVA)  è il documento che certifica la regolarità contributiva e assicurativa delle imprese e dei lavoratori autonomi ed è necessario fornirlo ( da parte dell’azienda) in tutti casi in cui l’impresa stipula un contratto di servizio con enti pubblici o privati  ma anche per beneficiare di agevolazioni da parte di  enti e pubblica amministrazione. In pratica esso  certifica che l’impresa è in regola con le norme in materia di normativa previdenziale in proprio e verso i propri dipendenti . Viene emesso dall’INPS INAIL e delle Casse Edili (era nato nell’ambito dei lavori edili ma è stato poi ampliato a tutti i contratti) su richiesta dell’azienda.
In particolare è necessario :
• per tutti i contratti pubblici (in particolare, per gli appalti ed i subappalti sia di lavori che di servizi e forniture)
• per la gestione di servizi ed attività pubbliche in convenzione o concessione
• per i lavori privati in edilizia soggetti al rilascio di permesso di costruire o a denuncia inizio attività
• per la fruizione di benefici normativi e contributivi concessi da Enti/P.A. naionali o internazionali, diversi da Inps e Inail
• per il rilascio dell’attestazione SOA ( Societa di attestazione aziendali)
• per l’iscrizione all’Albo dei fornitori
• per finanziamenti e sovvenzioni per la realizzazione di investimenti previsti dalla normativa comunitaria o da normative specifiche
• per la valutazione dei lavori pubblici per i quali il committente non è tenuto all’applicazione del Codice e del Regolamento (lavori pubblici seguiti in proprio e non su committenza e opere pubbliche di edilizia abitativa)
 
• per l’attestazione di qualificazione dei contraenti generali
  
All’interno dei contratti pubblici, inoltre il DURC viene richiesto:
• al contraente principale (appaltatore)
– per la verifica della dichiarazione sostitutiva relativa al requisito di cui all’articolo 38, comma 1, lettera i), del Codice
– per l’aggiudicazione del contratto ai sensi dell’articolo 11, comma 8, del Codice
– per la stipula del contratto
• a tutte le imprese esecutrici (appaltatore e subappaltatori)
– per il rilascio dell’autorizzazione al subappalto e al cottimo ed il successivo deposito del contratto presso la Stazione Appaltante/AP
–  per il pagamento degli stati avanzamento lavori (SAL) o delle prestazioni relative a servizi e forniture (fatture
–  per il certificato di collaudo, il certificato di regolare esecuzione, il certificato di verifica di conformità, l’attestazione di regolare esecuzione, e il pagamento del saldo finale
–  per il rilascio delle concessioni per la realizzazione di opere pubbliche e gli affidamenti con procedura negoziata
 

I commenti sono chiusi

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.